La visione insolita e immutabile della fotografia aerea.

Per quanto oramai ci siamo sempre più abituati l’ insolita visione della fotografia aerea ancora oggi ci regala un punto di vista, poetico, colorato, sensibile e pure dettagliato in cui la prospettiva differente obbliga l’ Uomo a salire in cielo per ammirare, capire quello che il Pianeta Terra talvolta ci nasconde oppure ci confonde rompendo così momentaneamente la forza di gravità.

Da sempre pioniere della libertà, soldato del genio, avventuriero della scoperta con il volo il genere umano ha cominciato a realizzare questo sogno solamente nel XX secolo fino ad arrivare a creare un mezzo di comunicazione indispensabile per tutte le società nell’ era moderna, il quale oltre gl’ enormi interessi economici ha però portato costi alti in termine di sforzi e di vite umane.

Non solo lo sviluppo è avvenuto a livello scientifico e commerciale ma anche per scopi militari, di spionaggio. di morte e di devastazione. La seconda guerra mondiale con il tragico finale dei lanci delle bombe atomiche sulle città giapponesi è sicuramente l’ esempio più manifesto e allo stesso tempo ignominioso della storia dell’ aviazione.

La fotografia aerea non è soltanto un inestimabile documentazione ma ha anche riflessi culturali, didattici e di studio scientifico come la geologia e la cartografia. Tuttavia il linguaggio delle forme ne esalta la forza trasfigurante nell’ originalità e nell’ espressività artistica.

Molti critici d’ Arte sostengono che la fotografia di paesaggio abbia spesso ricalcato gl’ insegnamenti e gl’ orientamenti della pittura mentre in epoche recenti è successo il contrario traendo in taluni casi l’ ispirazione dei valori e dei cromatismi astratti, i sensi fantastici, materici e compositi dalle immagini scattate da un aereo, le quali tra le tante virtù hanno sicuramente un grado di elevata autenticità.

Per l’ ampia gamma di soluzioni diversi fotografi ne hanno fatto uno stile di vita, un cavallo di battaglia, un intrinseco desiderio della visione onirica assieme alla passione di volare producendo moltissimi libri e diventando anche abbastanza noti nel panorama internazionale.
Basta ricordare due nomi eccellenti: Yann Arthus-Bertrand e Georg Gerster.

E non esiste interprete della fotografia che abbia scattato alcune immagini dal cielo per puro divertimento o curiosità per poi intraprendere percorsi professionali maggiormente complessi, creativi e idonei alla propria personalità come la moda, i ritrattisti e lo still life.

FOTO AEREA Namibia 1997 Laguna di Walwis Bay

___________________________________

 

Annunci

Arte e fotografia in primo piano: il premio Laguna giunge alla quinta edizione.

Chiusura iscrizioni: 16 novembre 2010
Dotazione del Premio: 100.000 Euro
Sezioni: pittura, scultura, arte fotografica, video arte e performance
Tema: libero
Finalisti: 110 Artisti
Esposizioni Istituzionali: Arsenale di Venezia
Premi Speciali: 33 Gallerie internazionali (New York, Shangai, Las Vegas, Roma, …)
Residenze d’Arte: Fondazione Buziol, Scuola del Vetro Abate Zanetti, Museo Zauli, Art Stays
Business for Art “ReiL”: Residenza e Intervento artistico presso un resort a Bahia Brasile

Iscrizione: http://www.premioartelaguna.it/index.php/iscrizione.html

Meno di due mesi alla chiusura delle iscrizioni
alla 5° Edizione del Premio Internazionale Arte Laguna, organizzato dall’Associazione Culturale MoCA e dallo Studio Arte Laguna con la curatela del critico d’arte Igor Zanti.
L’arte fotografica
protagonista già della scorsa edizione del Premio Arte Laguna, anche quest’anno ha l’obiettivo di affascinare la giuria di esperti e l’attento pubblico dell’Arsenale di Venezia con gli scatti di straordinaria sensibilità degli artisti fotografi.
Il circuito di Gallerie internazionali che collabora con il premio si è arricchito di nuovi spazi, molti dei quali punteranno la loro attenzione proprio sulla fotografia, in particolare la For Gallery di Firenze, la Galerija Fotografija di Lubiana, l’Abnormals Gallery di Berlino e la Galleria Primo Piano di Napoli.
La sezione di Arte Fotografica è presieduta da Rossella Bertolazzi
, direttrice della scuola di Arti Visive dell’Istituto Europeo di Design e Luca Panaro, critico d’arte, curatore e docente all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.

Le iscrizioni sono aperte fino al 16 Novembre direttamente su www.premioartelaguna.it con la candidatura di uno o due lavori, anche a più sezioni tra pittura, scultura, arte fotografica, video arte e performance. Il concorso è aperto a tutti senza limiti di età, sesso o nazionalità ed è a tema libero.

Quest’anno il Premio Internazionale Arte Laguna raggiunge una dotazione complessiva di 100 mila euro, 5 premi istituzionali di 5 mila euro ciascuno, 4 Artist in Residence, un circuito di 33 Gallerie Internazionali, il Premio Speciale Sala Stampa, Premio Business for Art in Brasile e collaborazioni con Festival Internazionali “Open” e “Tina B”.
La mostra degli artisti finalisti avrà luogo nella prestigiosa location dell’Arsenale di Venezia a Marzo 2011 e sarà corredata dal catalogo bilingue.

Iscrizione: http://www.premioartelaguna.it/index.php/iscrizione.html
Bando: http://www.premioartelaguna.it/index.php/il-premio-2010/bando.html

————————————————————————————————–Info:
Premio Internazionale Arte Laguna
c/o ARTE LAGUNA – Via Roma, 29/A – 31021 Mogliano V.to (TV)
tel. 041 5937242 – fax 041 8627948
info@premioartelaguna.it
www.premioartelaguna.it