Una straordinaria immagine di quasi sessanta anni e una stampa sublime di ventidue.

Tutte le mattine che si alza il sole e apro la serranda del mio salotto, una luce tenue, calda, fredda, circonfusa oppure irradiante a seconda delle stagioni, entra ed illumina le quattro pareti bianche.
Su di una di esse da oltre ventidue anni si trova una stampa da negativo originale del Maestro americano Ansel Adams compresa nella serie della Yosemite Special Edition.

Venne acquistata in uno dei miei frequenti viaggi in America, nel 1996, presso la Ansel Adams Foundation, nello Yosemite N. P.

Ancora oggi le stampe di Adams sono in vendita: basta andare sul suo sito internet e se vuoi te le mandano anche in Antartide. Ma allora i prezzi erano molto abbordabili considerato il favorevole cambio del dollaro quando già si vociferava a livello internazionale la nascita dell’ Euro.

Moon and Half Dome. Una tra le più note per quel gioco di contrasti, di neri profondi che enfatizza già una montagna dello Yosemite da sempre eccezionale per la sua figura e anche un pò irraggiungibile per via della difficile ascensione quasi tutta granitica e in verticale.

Questa fotografia NON è stata stampata da Ansel Adams sebbene lo scatto faccia parte di una sua sessione degl’ anni sessanta ed è noto che il fotografo ogni qualvolta usava differenti fotocamere: le stampe Yosemite Special Edition sono tutte realizzate con i negativi originali di Ansel, che sono prevalentemente in formato 8 × 10. Probabilmente in camera oscura il negativo non ha mai incrociato le mani di Adams ma solamente lka sua supervisione.

La serie comprende inoltre 5 × 7, 4 × 5, 3 1 / 4 x 4 1 / 4 , e 120 formati quadrati; un negativo, “Bridalveil Fall”, è una lastra di vetro 8 × 10.

I negativi coprono un periodo di oltre 40 anni, e sono stati elaborati in molti sviluppatori diversi. Alcuni di loro sono “pre-Zone System”, quindi c’è una certa variazione di contrasto e densità, e alcuni dei migliori negativi hanno subito qualche danno durante l’incendio del 1937 nella camera oscura Yosemite di Ansel.

Nonostante queste sfide tecniche, la forza delle immagini le rende completamente “stampabili”, senza perdita di qualità o estetica.

Fare delle stampe in edizione speciale è un compito arduo in particolaremodo quando le aveva scattate un grande maestro. Le stampe sono ancora realizzate direttamente dai negativi di Ansel e in modo “tradizionale”: in una camera oscura bagnata con luci di sicurezza ambrate, prodotti chimici e acqua corrente. Le stampe sono ancora stampe in argento-gelatina, il che significa che l’elemento che forma l’immagine è letteralmente argento metallico. Prezioso è il rafforzamento aggiunto nel processo finale con tre ( 3 ) bagni di Selenio e una diluzione Zonale che rende forse eterne.

La mia è da un rullo 120 con tanto di certificato di autenticità che NON lascia il minimo dubbio della proprietà del fotogramma e sulla paternità e sul lavoro svolto in Camera Oscura.

Pellicola Panatomic X sviluppo N+1 – esecuzione fotografia 1960, stampa negativo 1995.

Adams negl’ anni prima di morire si avvaleva di due o tre giovani stampatori che lui stesso nel corso del tempo anni aveva formato con una esperienza certosina. Uno di questi è Alan Ross che intraprese una carriere personale di fotografo dopo la morte del Maestro Americano. Oggi Ross è un signore maturo dedito completamente alla fotografia ma continua all’ occorrenza e su richiesta a stampare quei negativi di quell’ epoca. Eì sempre rimasto molto legato all’ Ansel Adams Gallery Foundation.

Non sono mai stato un collezionista di stampe altrui di sebbene ne abbia anche una piccola di un altro fotografo italiano. Il primo perchè costano assai quando il valore è poi molto difficile definirlo. Il secondo perchè il collezionismo richiede tempo, curiosità e voglia e credo che quando hai una tua piccola biblioteca personale di libri sia già più che sufficiente.

Adams è stato uno dei miei fotografi preferiti sia per lo stile, per l’ impegno viscerale e la dedizione totale alla Natura. Di lui ho letto e posseggo ben 19 pubblicazioni di cui alcune solamente in edizione americana e il suo racconto ancora oggi resiste alle ingiurie del tempo fotografico che scorre.

Un racconto epico, talvolta drammatico e solenne ma sicuramente più autentico di tanti altri.

La stampa è sempre l’ apice di una fotografia. Anche se fatta con un plotter professionale. Non sono un nostalgico dell’ analogico considero il digitale lo sviluppo della tecnologia ma ogni tanto quando riguardo questa immagine sulla parete bianca oppure ne pulisco delicatamente il vetro………Beh………. se penso che con le dovute proporzioni certe cose un giorno non esisteranno mai più……………….

Ansel Adams stampa copia

____________________________

 

Arte e fotografia in primo piano: il premio Laguna giunge alla quinta edizione.

Chiusura iscrizioni: 16 novembre 2010
Dotazione del Premio: 100.000 Euro
Sezioni: pittura, scultura, arte fotografica, video arte e performance
Tema: libero
Finalisti: 110 Artisti
Esposizioni Istituzionali: Arsenale di Venezia
Premi Speciali: 33 Gallerie internazionali (New York, Shangai, Las Vegas, Roma, …)
Residenze d’Arte: Fondazione Buziol, Scuola del Vetro Abate Zanetti, Museo Zauli, Art Stays
Business for Art “ReiL”: Residenza e Intervento artistico presso un resort a Bahia Brasile

Iscrizione: http://www.premioartelaguna.it/index.php/iscrizione.html

Meno di due mesi alla chiusura delle iscrizioni
alla 5° Edizione del Premio Internazionale Arte Laguna, organizzato dall’Associazione Culturale MoCA e dallo Studio Arte Laguna con la curatela del critico d’arte Igor Zanti.
L’arte fotografica
protagonista già della scorsa edizione del Premio Arte Laguna, anche quest’anno ha l’obiettivo di affascinare la giuria di esperti e l’attento pubblico dell’Arsenale di Venezia con gli scatti di straordinaria sensibilità degli artisti fotografi.
Il circuito di Gallerie internazionali che collabora con il premio si è arricchito di nuovi spazi, molti dei quali punteranno la loro attenzione proprio sulla fotografia, in particolare la For Gallery di Firenze, la Galerija Fotografija di Lubiana, l’Abnormals Gallery di Berlino e la Galleria Primo Piano di Napoli.
La sezione di Arte Fotografica è presieduta da Rossella Bertolazzi
, direttrice della scuola di Arti Visive dell’Istituto Europeo di Design e Luca Panaro, critico d’arte, curatore e docente all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.

Le iscrizioni sono aperte fino al 16 Novembre direttamente su www.premioartelaguna.it con la candidatura di uno o due lavori, anche a più sezioni tra pittura, scultura, arte fotografica, video arte e performance. Il concorso è aperto a tutti senza limiti di età, sesso o nazionalità ed è a tema libero.

Quest’anno il Premio Internazionale Arte Laguna raggiunge una dotazione complessiva di 100 mila euro, 5 premi istituzionali di 5 mila euro ciascuno, 4 Artist in Residence, un circuito di 33 Gallerie Internazionali, il Premio Speciale Sala Stampa, Premio Business for Art in Brasile e collaborazioni con Festival Internazionali “Open” e “Tina B”.
La mostra degli artisti finalisti avrà luogo nella prestigiosa location dell’Arsenale di Venezia a Marzo 2011 e sarà corredata dal catalogo bilingue.

Iscrizione: http://www.premioartelaguna.it/index.php/iscrizione.html
Bando: http://www.premioartelaguna.it/index.php/il-premio-2010/bando.html

————————————————————————————————–Info:
Premio Internazionale Arte Laguna
c/o ARTE LAGUNA – Via Roma, 29/A – 31021 Mogliano V.to (TV)
tel. 041 5937242 – fax 041 8627948
info@premioartelaguna.it
www.premioartelaguna.it

Color is our life, un seminario gratuito a Milano.

     

 

     
 

 

  

Elite fashion academy in collaborazione con Lead, propone un workshop professionale gratuito dedicato alla gestione, trattamento e “certificazione” delle immagini digitali per uso commerciale e artistico.
L’evento avrà luogo lunedì 12 luglio alle ore 14 negli elite studios in Via Tortona 35 a Milano. I partecipanti avranno la possibilità di confrontarsi con tecnici specializzati e approfondire le conoscenze sulle tecnologie appositamente studiate per soddisfare le esigenze dei professionisti della fotografia e su tutti i principali strumenti indispensabili per una corretta gestione del flusso colore.

testata_12_luglio

 

La sessione teorica tratterà tutti gli argomenti necessari a capire nel dettaglio le procedure che gestiscono un flusso di lavoro nel mondo della fotografia digitale a colori. Lo scatto, la sua acquisizione e verifica, il formato RGB -tipico dell’acquisizione digitale- l’elaborazione fino all’ottimizzazione per la riproduzione su stampanti fotografiche o alla conversione CMYK per la realizzazione di prove colore contrattuali e cataloghi stampati su offset, la riproduzione fedele di quadri e opere d’arte.

Sarà illustrato dettagliatamente:
– Cenni di colorimetria: le caratteristiche dello spazio colore L.a.b.
– Cosa sono, come si creano e come si usano i profili ICC.
– La procedura di linearizzazione di un flusso colore, dalla fotocamera alla stampa.
– Still-life, la corretta procedura per una fedele riproduzione cromatica.
– La certificazione dell’immagine digitale attraverso la stampa.
– Capture One Pro 5, approfondimenti.

Durante il seminario verranno utilizzati il dorso Phase One P65+ (60 Mpixel), luci Briese Focus, monitor Eizo CG245W e stampanti Epson.

L’inizio lavori è previsto per le ore 14:15 e terminerà alle ore 18.

Al fine di poter organizzare al meglio l’incontro è gradita la conferma di partecipazione il più presto possibile. Per l’iscrizione potete telefonare al numero 0332 870780 oppure inviare una mail a info@leadsrl.it con le seguenti informazioni: Nome, Cognome, Società, indirizzo, telefono e numero partecipanti.

 loghi_12_luglio

 
   

Photoshow: presto la grande kermesse dell’ immagine.


Anche quest’ anno come oramai una ” tradizione tecnologica ” in alternanza tra Roma e Milano si terrà dal 30 Marzo al 2 di Aprile Photoshow 2007. Tra crisi, rinascite, evoluzioni la kermesse è stimolo non solo per ammirare i nuovi prodotti ma anche un punto di riferimento per gl’ appassionati e i professionisti, per scambio di opinioni e tanto altro.
Qui sotto il comunicato stampa dell’ organizzazione e un articolo sul mercato digitale della stessa.
______________________

La principale manifestazione fieristica dedicata alla fotografia e all?immagine digitale sarà a Fieramilanocity dal 30 marzo al 2 aprile 2007.
Torna anche PHOTOFESTIVAL, il percorso cittadino di mostre fotografiche d?autore.
La fotografia gode di buona salute e deve soddisfare le richieste di una clientela sempre più esigente. Lo testimoniano i dati relativi ai primi 10
mesi del 2006: 1.900.000 gli apparecchi fotografici immessi nel mercato (+11% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), con un boom
delle vendite di reflex digitali (+ 35% rispetto al 2005).
A fine anno la vendita di apparecchi analogici si attesterà attorno alle 150.000 unità, a conferma dell?ormai avvenuto passaggio all?epoca del digitale. Tuttavia sono proprio i giovani, ai quali la fotografia digitale ha stuzzicato il palato, a voler assaporare il gusto della pellicola, dellareflex e della stampa di qualità. Si delinea il profilo di una elite appassionata, che esprime la preferenza per modelli sempre più sofisticati, in grado di eseguire fotografie con risoluzione elevata (1.400.000 le fotocamere digitali da 5 a 8 Mpixel vendute da gennaio a ottobre) e con tecnologia reflex. Anche il settore della stampa fotografica mostra una sostanziale tenuta grazie soprattutto alla capacità di adattarsi alle richieste della nuova clientela, vale a dire l?offerta di servizi quali la stampa da CD, da telefonino, via Internet ecc. Si sta diffondendo, in particolare, la stampa domestica di immagini: le stampanti fotografiche di piccolo formato hanno registrato vendite per circa 130.000 unità negli ultimi 12 mesi (+30%). Il 2006 si conferma quindi caratterizzato da un mercato vivace, dinamico e in apprezzabile crescita. (Fonte A.I.F. ? Associazione Italiana Foto & Digital Imaging) In questo scenario Photoshow 2007 si presenta a Milano con 300 espositori su 35.000 mq di superficie totale, pronta a ripetere il successo dell?edizione 2005 che ha registrato oltre 50.000 visitatori, a conferma che la fiera è il punto di riferimento non solo per le aziende del settore ma anche per il grande pubblico. Nei Padiglioni 3 e 5 di Fieramilanocity esporranno, come di consueto, le principali aziende del mondo dell?imaging in rappresentanza della quasi totalità del mercato nazionale.
Presenti i più grandi marchi del settore ? CANON, CASIO, DURST, EPSON, FUJIFILM, HP, JVC, KODAK, KONICA MINOLTA, MAMIYA,
MITSUBISHI, NIKON, NORITSU, OLYMPUS, PENTAX, POLAROID, SAMSUNG,
SONY ? ma anche importanti nomi della tecnologia
internazionale come PANASONIC e alcune delle principali aziende dell?informatica e delle telecomunicazioni come APPLE e NOKIA.
Infine, come di consueto, una serie di eventi ed iniziative (mostre, set fotografici, situazioni curiose e interattive) coinvolgeranno i visitatori e
completeranno la visita a Photoshow.

FOTO & DIGITAL IMAGING: COME CAMBIA IL MERCATO ITALIANO

C’è una nuova voglia di foto nel mercato italiano.
Che sia tradizionale o digitale poco importa; a guardare i dati, la distinzione appare completamente obsoleta, aderente ai canoni che
funzionavano fino ad un paio di anni fa, ma che ormai hanno perso aderenza alla realtà.
Si scatta in digitale e magari si stampa su carta tradizionale, o viceversa…. La scelta dipende ormai non dalla tecnologia in se stessa ma dal tipo di sensibilità personale e dalla situazione in cui avviene lo scatto e la successiva stampa.
Fatto sta che, nell’ultimo anno, secondo i dati forniti dalle aziende che aderiscono al panel AIF, si sono vendute ancora oltre 410.000 fotocamere
analogiche mentre sono oltre 2 milioni le digitali acquistate.
Numeri importanti: significa che ben più di 2 milioni e mezzo di persone hanno deciso di effettuare un acquisto di hardware per la ripresa
fotografica.
E hanno dimostrato di riconoscere nella stampa tradizionale il mezzo d’elezione per conservare nel tempo le stampe. Sono infatti oltre 40 milioni
i metri quadri di stampe fotografiche effettuate da laboratori e minilab che si affiancano alla stampa digitale sempre più facile, sempre più a
portata di mano ma anche sempre più indirizzata ad un uso immediato e di rapido consumo.
Così si spiega anche che i rullini di pellicola venduti nel 2004 siano poco meno di 55 milioni e che siano nell’ordine di oltre 3 milioni le schede di
memoria vendute sia.fornite con la confezione a corredo della macchina fotografica sia acquistate separatamente in aggiunta a quella in
dotazione.
Naturalmente, ormai, le curve dei fatturati di fotocamere analogiche e digitali si intersecano andando in direzioni opposte, ma ancora
testimoniano chiaramente quel melange tecnologico di cui si diceva, quel fruttuoso interscambio che valorizza le autentiche potenzialità di
ciascun mezzo e sovrappone sempre più decisamente il mondo della fotografia a quello dell’ imaging tout-court.
In solo un anno, le fotocamere digitali vendute nel canale fotografico hanno una risoluzione – espressa in pixel – mediamente sempre più elevata.
Le fotocamere con risoluzione inferiore a 2 megapixel stanno infatti rapidamente riducendosi (nel 2002 erano circa 100.000?) a vantaggio di
quelle che registrano immagini con almeno 3 o 4 Mpixel in grado di fornire una qualità evidentemente destinata non solo alla visualizzazione su
display, sul computer o alla comunicazione via e-mail, ma anche alla stampa fotografica che consente modalità di condivisione delle immagini e
di conservazione per certi versi insuperata.

_____________

Foto: modelle brasiliane con elaborazione digitale ad una edizione del Photoshow – Fiesoli ©.

Il Diritto dell’Immagine, se ne discute a Milano.


La International Arbitration Center for Copyright and Image rights (IACCI), ente a carattere internazionale, propone, per la prima volta in Italia, un seminario dedicato al Diritto dell?Immagine già presentato con successo in altri Paesi europei.
La tematica del Diritto dell?Immagine è di evidente e scottante attualità e la richiesta da parte del mondo economico e dei professionisti di approfondimenti a tale riguardo è sempre più crescente in maniera direttamente proporzionale all?accrescimento della sensibilità sul punto da parte della società. Il ciclo seminariale in oggetto è assolutamente innovativo per gli argomenti trattati ed è sicuramente il primo del genere in Italia con valenza innovativa.

Per maggiori approfondimenti visitare il sito http://www.iacciarbitration.com.

Il seminario si terra dal 17 Marzo al 8 Aprile 2006 presso FORMA – Centro Internazionale di Fotografia – Piazza Lucrezio Caro 1 – Milano con il Patrocinio dell’Amministrazione Provinciale milanese.

___________________

Riferimenti: Il Diritto dell’Immagine.