Addio Ollie, Disney world piange uno dei suoi creatori.

Aveva 95 anni, e fu uno dei leggendari creatori dei cartoons di Disney. Tra i suoi indimenticabili personaggi Bambi, Peter Pan, Cenerentola, Pinocchio e Alice, ma la lista potrebbe continuare a lungo.

Continua a leggere “Addio Ollie, Disney world piange uno dei suoi creatori.”

Annunci

Ambiente: Clean Up the World.


Parte domani l’altro, 23 settembre 2005 e continuerà per tre giorni,la consueta iniziativa Puliamo il Mondo, l’edizione italiana di Clean Up the World e organizzata da Legambiente.
Un esercito di volontari, s’improvviseranno spazzini, raccoglitori, per cercare di eliminare immondizie, rifiuti, in aree importanti come boschi, foreste, piazze, argini e letti di fiumi, spiagge, e molto altro. Nel 2004 parteciparono in Italia circa settecentoventimila persone, con l’adesione e la completa diponibilità da parte di circa duemila Amministrazioni comunali di piccole e grandi dimensioni.
L’ organizzazione internazionale invece ha raggiunto traguardi più vasti, poichè è riuscita a promuoverla in oltre 120 paesi del mondo con 137 milioni di persone che hanno lavorato per ripulire il suolo terrestre.
Per il secondo anno consecutivo Legambiente e la ONG Cospe hanno dato il via ad una sperimentazione nella città di Axim, importante centro urbano del Ghana occidentale, paese africano molto povero e con una emergenza sanitaria tra le più vaste dell’Africa. Il programma prevede anche manifestazioni per indurre la popolazione ad un’educazione ambientale migliore.
La tutela dell’ambiente è una tematica che negl’ultimi anni ha scosso le coscenze e la sensibilità della gente ed evidenzia la voglia e la necessità di riprendersi il propro territorio, ma nonostante il grosso lavoro svolto numerosi problemi restano sul tavolo e sono ancora da risolvere. In primis una mancanza di cultura, la quale molto spesso porta a sporcare e accumulare montagne di rifiuti in luoghi che un tempo erano incontaminati, segnali inquietanti di una ignoranza pubblica per il rispetto della Natura.
Per maggiori informazioni visitare i siti – http://www.puliamoilmondo.ithttp://www.legambiente.comhttp://www.cleanuptheworld.org

_________________________

Riferimenti: Clean up the World.

Le suadenti onde del World Wide Web.


Non se ne può più fare a meno…..si potrebbe definire la droga informatica del secolo, il piacere del relax irreale, il bar virtuale, un modo per vincere la noia, una maniera di comunicare ultra moderna…..
Il popolo di Internet naviga dalla mattina alla sera sulle onde sconnesse del Web e s’incunea nelle maglie della Rete alla perenne ricerca di ” pesce fresco “……..news, informazioni, filmati da visionare e scaricare, fotografie digitali da contemplare……..
Secondo la recente indagine statistica, Progetto 2005 – dell’ AIE il 50 % delle persone che fanno uso di un elaboratore dati ” viaggiano ” ogni giorno in Internet ma hanno scarse conoscenze tecnico informatiche.
Probabilmente se gli venisse chiesto che cosa è un cluster o di parlare delle differenze tra i due sistemi Windows e Mac oppure di spiegare la libreria di collegamento dinamico non saprebbero dare delle risposte esatte.
Sembra che l’utente medio arrivi a Word, il programma di videoscrittura più usato al mondo, che però viene limitato alla comunicazione e nel presentare documenti basilari per trovare lavoro o semplici lettere da stampare e da inviare.
Inoltre gl’insegnanti tecnologici, in un’analoga analisi nell’ambito della scuola, utilizzerebbero il palmare soltanto per finalità scolastiche e il raggruppamento di documentazione.
Quindi la maggioranza degl’italiani che adoperano il pc sono quasi all’oscuro di elaborazioni digitali con Photoshop, creazioni di fogli di calcolo in Excel, grafica di Publisher, o creazioni di pagine Web con programmi editor, Front Page e similari. Insomma conoscono il pc soltanto in superficie…..
” Un’ignoranza elettronica ” che si scontra con l’uso di Internet che rimane alla portata di tutti, probabilmente motivata dal fatto di non doversi impegnare a fondo come è doveroso negl’altri complicati programmi.
Nonostante l’industria di componentistica informatica abbia delle crepte di vendita, Internet non conosce soste e il trend di utilizzo è sucuramente in aumento: negl’ultimi tre anni è cresciuto circa del 30 % e anche l’Alta Velocita dovuta alla caduta di costi del canone e alla innegabile necessità di non perdere troppo tempo, ha preso molto campo anche tra le famiglie.
L’80% del totale dei nostri connazionali che usano il computer si collegano ad Internet Explorer e la maggioranza lo utilizza per ricercare e consultare informazioni utili ai propri interessi e al proprio operato: in poche parole…cerco e guardo quello che mi serve…..
Ma la grande vittoria dei consensi di Internet, è data dal fatto che oramai è entrato di prepotenza negl’uffici e quasi nelle case di tutti.
Questa galassia virtuale, un pò petulante, ” venditore di fumo “, ciarliera e diciamolo francamente anche invadente e talvolta spiona, ti fà sentire più vicino al prossimo ma nella realtà lontani e anche un pò soli.
Lo dimostrano i blog che sono spuntati come funghi in autunno, anche sui grandi gruppi dell’Editoria….sono i figli minori della comunicazione interattiva, creati molto spesso per proporre, sindacare, raccontare gli amori infranti, ” piangere lacrime di coccodrillo “, dimostrare e accusare, scambiarsi opinioni, prese di parte, scrivere terminologie di politichese, forum specializzati e perchè no…..dare di cretino a qualcuno……
Perciò Internet e il suo facile impiego, la sua semplicità e l’indiscutibile rapidità, ha ammaliato un pò tutti: l’importante è correre sulle correnti sotterrane del World Wide Web per scoprire sempre qualcosa di nuovo, per aggionnarsi sulla guerra, per provare se si riesce a vedere un video di una cruenta decapitazione, per stare al passo con i tempi, per leggere e ascoltare le parole del Papa, per tentare di inserirsi nella chat proibita, per sostituire in parte la tv spazzatura……per sognare una spiaggia bianca……
E’ il necessario ” stile di vita comunicativo ” del Terzo Millennio e come evidenzia la statistica gl’italiani si sono prontamente adeguati.

Fiesoli.

Riferimenti: Le suadenti onde del World Wide Web.