Africa: la vendetta dell’ elefante…. muore l’ideatore di Blumarine


L’ Africa nasconde sempre delle insidie e come si dice in gergo ” non andare a svegliare il can che dorme “……….
Nonostante le leggi, i divieti e le razze animali che diventano sempre meno, nel Continente africano è lecito o comunque è possibile cacciare. Basta pagare si trova sempre il mezzo…..i dollari ovunque vai hanno sempre il suo peso e il suo potere……
Paolo Tarabini è morto in un cruento incidente di caccia, in uno di quei parchi dello Zimbabwe non tanto conosciuti dai turisti ma ricchi di animali e di selvaggina.
D’altra parte il paese adiacente alla Namibia è sempre stato permissivo in questa materia.
L’italiano sarebbe stato calpestato da due elelefanti ” impazziti “, come descrivono i Media dalle testimonianze locali, ma forse solo in un atto, peraltro del tutto legittimo, di difendersi a una morte certa finalizzata ad estrarre le pregiate zanne d’avorio.
Il noto e danaroso stilista, è il marito di Anna Molinari, fervidi creatori nel 1977 di Blumarine, uno dei maggiori marchi di moda e per bambini, oggettistica di lusso e ceramiche, diffusi nelle tante boutique di Tokyo, Osaka, Seul, Singapore, Taipei, New York, Lisbona e Milano.
Un impero che in pochi anni è diventato una Spa allargandosi in tutte le direzioni e le branche del mercato mondiale, ma stavolta però all’industriale carpigiano è andata male.
Tarabini, che negl’ultimi anni era diventato Amministratore Delegato delle società, era un appassionato del Continente Nero in cui aveva compiuto numerosi viaggi, ma non per ammirare le bellezze dei paesaggi delle savane punteggiate da irte e contorte acacie, o i pastellati colori di unici tramonti, e nemmeno per spirito romantico oppure come avventuriero ottocentesco, bensì per uccidere rinoceronti, pachidermi, agili gazzelle con fucili automatici.
Un ” amore ” che è costato molto caro, terminato con una tragedia in parte anche voluta.
Paolo Tarabini lascia la moglie e due figlie.

_________________

Immagine: un elefante in Africa – Gianluca Fiesoli ©.

Riferimenti: Blumarine.