Auguri di Buona Pasqua.

Con la presente e con questo nuovo blog si augura una Felice Pasqua a tutti voi e famiglie.

Happy Easter to you and family.

Buona Pasqua

Annunci

Il modello Iva base 2011. Novità e informazioni per la presentazione.

Un interessante articolo su come usare il modello iva base 2011. Le novità per la dichiarazione e i tempi della presentazione. A firma della dott.ssa Paola Mazza, commercialista e Revisore dei Conti. Maggiori informazioni sui siti Ipsoa Editore e Pmi Microsoft – Tutti i diritti sono riservati.

______________

Modello IVA Base 2011

Introduzione

Il modello IVA Base è stato istituito allo scopo di semplificare la procedura dichiarativa per alcune specifiche categorie di contribuenti che nel corso dell’anno hanno determinato l’imposta secondo le regole generali previste dalla disciplina IVA.
Dette categorie di contribuenti possono utilizzare il modello IVA Base 2011 in alternativa al modello IVA 2011 ed effettuare l’inoltro della dichiarazione sia in via autonoma che nell’ambito della dichiarazione unificata. Una delle principali novità presenti nella dichiarazione IVA Base 2011 è rappresentata dall’inserimento del quadro VR attraverso il quale, essendo stato abrogato il modello VR, può essere effettuata la richiesta di rimborso del credito IVA.

1

2

 

Il contribuente tenuto alla presentazione della dichiarazione IVA può utilizzare in alternativa al modello IVA 2011, una versione semplificata: il modello IVA Base 2011.
Tale modello può essere presentato sia che si voglia inoltrare la dichiarazione IVA in via autonoma che unitamente al modello UNICO 2011 (Cfr. Tavolan. 1).Tavola n. 1 – Modalità di presentazione dichiarazione IVA La dichiarazione IVA in via autonoma può essere presentata a decorrere dal 1º febbraio 2011 al 30settembre 2011.
La dichiarazione presentata insieme al modello UNICO può essere inoltrata entro il 30 settembre 2011 (Cfr. Tavola n. 2).

Tavola n. 2 – Termini presentazione modello IVA

 

Ambito soggettivo

Possono utilizzare il modello IVA Base 2011 i contribuenti (sia persone fisiche che soggetti diversi dalle persone fisiche) che nel corso dell’anno:

hanno determinato l’imposta secondo le regole generali previste dalla disciplina IVA e che non hanno applicato specifici criteri afferenti speciali regimi;
hanno effettuato cessioni di beni usati in via occasionale e/o operazioni relative ad attività agricole connesse di cui all’art. 34-bis del D.P.R. 633/ 1972;
non hanno effettuato operazioni con l’estero;
non hanno effettuato acquisti ed importazioni senza applicazione di IVA in virtù del plafond di cui all’art. 2, comma 2, della Legge n. 28/1997;
non hanno partecipato ad operazioni straordinarie o subito trasformazioni sostanziali soggettive.

Dalle istruzioni si evince, inoltre, che non possono utilizzare il modello IVA Base 2011:

i soggetti non residenti anche se hanno nel territorio dello Stato una stabile organizzazione o fruiscano di rappresentanza fiscale o di identificazione diretta;
le società di gestione del risparmio che gestiscono fondi immobiliari chiusi;
i soggetti tenuti ad utilizzare il modello F24 auto UE obbligatorio per i rivenditori di autoveicoli sul mercato Comunitario;
i curatori fallimentari e i commissari liquidatori per le procedure concorsuali;
le società che hanno partecipato ad una procedura di liquidazione dell’IVA di gruppo di cui all’art. 73 del D.P.R. n. 633/1972.

 

_________________________

No, così no…….Milan, è quasi un addio alla Champions League.

Se il campionato odierno lo potremmo definire “ pazzo “ a causa delle numerose alternanze,  la Champions League che da stasera è entrata nella fase calda, si rileva allo stesso modo.

E’  l’ anno delle imprevedibilità e delle sorprese.

A distanza di settantadue ore dopo aver strapazzato il Parma un pallido Milan s’ inceppa a San Siro e viene sconfitto per uno a zero dagl’ inglesi del  Tottenham, compagine di buon livello che naviga al quarto posto della Premiere League.

Ha deciso una rete di Peter Crouch a dieci minuti dalla fine  in un azione scandita da un travolgente  contropiede e che ha messo in ginocchio la squadra milanese.

Coppa dei Campioni compromessa e vittoria meritata degl’ ospiti, che per quanto inferiori sul tasso tecnico  già alcuni mesi fa fecero venire i brividi all’ Inter per il loro gioco atipico.

Questo finale dell’ andata è particolarmente ostico poiché garantisce il passaggio del turno di due risultati su tre e consente agl’ Hotspur una condizione psicologica favorevole anche se sarà difficile che cambieranno atteggiamento tattico.

I rossoneri dovranno vincere a  Londra con due gol di scarto, impresa che ci sono riusciti veramente in pochi.

Resta il fatto che il Milan di stasera nel primo tempo è stato pressoché inguardabile. Sconnesso tra i reparti, poche idee al centrocampo, sofferente sulle fasce. Quella di stanotte è stata forse la più brutta prestazione di Ibrahimovic da quando è tornato in Italia. Lo stesso vale per Pato che non ha inciso più di tanto. La manovra era macchinosa e scontata e si è sentita oltremisura l’ assenza di Andrea Pirlo.

La ripresa per quanto leggermente migliore non ha offerto grandiose emozioni. Basta dire che i due sussulti sono venuti da Yepes, un difensore.

Il Milan da tempo ha problemi di continuità, luci e ombre talvolta mascherate dalla straordinaria bravura di Ibrahimovic che ha risolto con le sue prodezze diversi incontri. E non è un caso se nelle ultime settimane lo svedese gitano abbia accusato evidenti segni di stanchezza.

Infine il fair play. La Uefa ne ha fatto una bandiera, anche politica. Quella di oggi è stata una partita nervosa ma svoltasi nei consueti canoni di mascolinità.

Il dopo gara, invece, è un vero insulto all’ educazione  e all’ esempio.

Un indiavolato Gennaro Gattuso, che sarà squalificato,  ha scatenato una  rissa.

Testate, insulti e spintoni…….momenti rancorosi.

Ancora una volta il calcio ha saputo dare un immagine bruttissima di sè.

Ma  sopratutto, nonostante i tanti anni di carriera e di trionfi, qualcuno non ha ancora imparato a saper perdere.

 

__________________

25a: giornata chiave per il campionato. Il Milan se non si addormenta può approfittarne.

calcio 222Quello che inizia oggi pomeriggio e finirà con il posticipo di domani sera è certamente un turno impegnativo, fondamentale anche se non decisivo per le sorti del campionato.

Il derby d’ Italia tra Juventus e Inter ha smarrito sicuramente fascino e prestigio poiché la Vecchia  Madama negl’ ultimi anni ha regalato ai tifosi sparsi in tutto lo Stivale delle prestazioni opache, stagioni deludenti e non è mai stata veramente nella lotta per il tricolore.

Ciò nonostante andare all’ Olimpico di Torino e uscirne vittoriosi non è cosa del tutto semplice e questo match se terminasse in una sconfitta per l’ Inter si rimetterebbe tutto in discussione il lavoro fatto da Leonardo.

I nerazzurri se vogliono continuare la corsa per lo Scudetto devono incamerare sei punti tra domani e mercoledì dove affronteranno all’ Artemio Franchi la Fiorentina che nonostante non navighi in buone acque sul proprio terreno rimane un avversario di tutto rispetto. Due trasferte di un calendario che in confronto a quello dei cugini è molto più complesso. Resta il fatto che gli scontri diretti e il prossimo derby della Madonnina ci diranno chi si aggiudicherà lo Scudetto edizione 2010 e 2011.

Ambedue i club non possono permettersi di perdere. Se la Juve è già caduta per le ambizioni del titolo, senza dimenticare la prematura uscita dalle coppe, il quarto posto è l’ unica consolazione possibile sia per stare nei piani alti dell’ Europa che conta, sia per i possibili investimenti della prossima annata, per il bilancio e in particolar modo per l’ orgoglio.

Si preannuncia battaglia vera dove l’ Inter con l’ ottimo momento di forma e la superiorità di alcuni campioni potrebbe avere la meglio. A Torino negl’ ultimi mesi in diversi hanno strappato punti. Il pronostico, comunque resta aperto a tutte le soluzioni. Lo avvalorano persino le quote dei bookmakers.

Il Milan incontrerà il Parma a San Siro oggi pomeriggio e speriamo che non ripeta il secondo tempo di Marassi. I romagnoli, compagine attrezzata,  pratica nella tattica e veloce nello svolgimento delle azioni, non sono da sottovalutare soprattutto là davanti dove ci sono due “ vecchie volpi “ del gol.  

Amauri e Crespo anche se arrugginiti e appannati possono incidere. C’ è poi da tenere presente che i parmensi hanno bisogno di ” ossigeno ” per raggiungere prima possibile quella fatidica quota di quaranta punti che gli garantirebbe quasi sicuramente la salvezza.

Il ritorno di Pirlo che avrebbe dato innegabilmente maggiore geometria e  fantasia sulla trequarti, dovrà slittare di oltre un mese. Una tegola inaspettata per Massimiliano Allegri che più volte aveva dichiarato di confidare nel rientro del centrocampista.

Con Ibrahimovic stanco, Pato alternato, diversi assenti, Nesta torna al centro della difesa ed è sicuramente una buona notizia, perché chi lo sostituisce non è alla sua altezza in fatto di esperienza. Probabile l’ impiego di Antonio Cassano fin dal primo minuto.

Vincere, quindi,  diventa la parola d’ ordine e d’ obbligo. Sia per troncare una serie di pareggi che hanno stufato i tifosi e hanno fatto perdere terreno sulle inseguitrici, sia per avere la possibilità di allungare in un turno che almeno sulla carta è favorevole. E’ un test basilare prima di entrare nella fase calda “ del dentro o fuori “ della Champions League la quale inizierà martedì sera con il Tottenham.

Pure la sfida tra Roma  e Napoli nel posticipo di stanotte ha motivi e significati importantissimi. I romani perso il treno per la vetta devono incamerare punti per risalire la china mentre i partenopei affrontano un esame rilevante fuori casa che valuterà se questa squadra ha raggiunto la maturità necessaria per andare oltre.

Tre lunghezze dal Milan sono sempre poche.  Sostanzialmente una sconfitta, una gara andata male.

Seppure il divario tecnico dalle milanesi volge a loro favore per i napoletani tutto può ancora succedere e sognare con costa assolutamente niente.

Si gioca e si vive anche per questo.

 

___________________

Razia, Juma Gul e Mohammed Wali.

In inverno l’attività nell’ospedale di guerra di Emergency a Lashkar-gah, in Afganistan, cala rispetto al resto dell’anno. “Cala” nei numeri, non nelle tragedie che la popolazione civile patisce.

Razia viene da Babaji, un villaggio dove si combatte ormai da anni. Stava tornando a casa a piedi, con la sua famiglia, quando «dei soldati» hanno cominciato a sparare. Razia ha un femore fratturato, uno zigomo rotto e una vasta ferita alla testa. Ci mostra anche la ferita da proiettile che l’ha colpita a una mano un anno fa. Ha 7 anni ed è già “veterana di guerra”.

Due letti prima di lei Juma Gul, 5 anni, sta mangiando del riso. Ha metà del viso coperto dalle medicazioni e la gamba sinistra fasciata. Era di fronte a casa, a Grishk, quando è esplosa una granata.

Mohammed Wali ha 8 anni e viene da Marjah, un altro villaggio martoriato dalla guerra. Ha appoggiato il piede su una mina mentre ritornava dal bazar. Ha camminato fino a casa, con il piede dilaniato. Il padre l’ha portato immediatamente al nostro ospedale, ora un grande bendaggio gli copre il moncone appena sotto il ginocchio.

Tutto questo nell’arco di una settimana, d’inverno, quando i “numeri” calano.

Per maggiori informazioni e donazioni visita il sito http://www.emergency.it

______________

Il campionato è un ” affaire ” di Milano.

Luci a San Siro e festival del gol. Il campionato giunge a quasi due terzi del cammino e diventa più incerto che mai anche se Milano resta la piazza protagonista e sicuramente favorita.

Nel giro di pochissime settimane abbiamo osservato cadute eccellenti, sorprese straordinarie e mezzi passi falsi delle inseguitrici che confermano gl’ impedimenti d’ organico e di tasso tecnico inferiore alle milanesi.

L’ Inter ha ritrovato il passo dello Scudetto, la voglia di combattere, l’ entusiasmo e di credere nei propri mezzi. Ha cambiato pelle. Finalmente gioca come sa e non è errato dire che Leonardo in parte “ copia “ Mourinho nel posizionare i giocatori.

Il tridente di stanotte non è nuovo, lo adottò anche se in stretta misura, lo SpecialOne per poi trasformarlo in corsa quando i match erano chiusi o contro collettivi difficili da scardinare.

Mai come questa volta il cambio di allenatore è stato così azzeccato e nella ” classica ” che ha caratterizzato il periodo post Calciopoli, i nerazzurri hanno detronizzato una Roma nervosa però mai doma, ma che risente ancora una volta di quelle alternanze viste fin dall’ inizio della stagione.

Ai giallorossi, poi, fa difetto ancora l’ assenza di qualche pezzo pregiato per arrivare a mettere le mani sullo Scudetto, mentre le “ sterili “ campagne acquisti del recente triennio unitamente alle vicende amministrative e giuridiche ha fatto sì che si trovi in affanno sul piano dei componenti il quale resta corto.

A questo punto del torneo poter recuperare dieci punti è francamente un utopia. Fuori dai giochi e speriamo che i nuovi compratori, americani, arabi che siano portino denari freschi per una parziale rifondazione che dovrà essere necessaria a giugno. Molti elementi giocano nel club romano da troppi anni e sovente si sono visti segnali di voglia di andare altrove.

Ora per Leonardo e soci diventa fondamentale la gara di recupero al Franchi di Firenze che secondo programma si effettuerà il sedici di febbraio.  Una vittoria, peraltro non scontata su un campo tradizionalmente ostico, concluderebbe una repentina scalata iniziata con l’ esonero di Benitez.

Ma le colpe della crisi interista non erano tutte dell’ ex coach del Liverpool. Benitez ha avuto pure sfortuna e nel corso della gestione ha affrontato numerosi infortuni che gli hanno fatto saltare gl’ equilibri del team.

Questa Inter ha tuttora fame di successi e Moratti con l’ innesto di Ranocchia e Pazzini sembra che abbia ancora desiderio di investire in prospettiva futura per mantenere alta la competitività.

Se l’ Inter ha dalla sua la condizione psicologica, il ritorno alla forma degl’ elementi migliori, un Eto’ o stratosferico e sempre più decisivo, il calendario è poco favorevole mentre la precaria condizione di Milito potrebbe dare qualche preoccupazione nel gestire il fronte offensivo. L’ ex genoano stenta a ritrovarsi, segna poco e sopratutto è infiacchito nello sprint e nello smarcamento.

Fin da domenica prossima con il confronto al Comunale di Torino con la Juve, mentre il Milan affronterà in casa il Chievo, si potrà tirare le somme. Turno chiave per tutte.

I rossoneri non sanno più vincere. Nelle prime sette squadre della classifica è quello che ha pareggiato di più. Pato non è un caso, ma non è nemmeno al top. Le qualità sono indiscutibili ma l’ annata è offuscata da malesseri, qualche incomprensione e la convivenza tattica con Ibrahimovic.

Restano in vetta solamente perché il Napoli fino ad ora è una squadra incompiuta e bizzarra, incapace di guadagnare terreno nei momenti topici, nonostante i partenopei svolgano forse il gioco più piacevole che ci sia in Italia.

La Lazio è imperfetta. Il momentaneo quarto posto le fa sicuramente onore ma ciò nonostante è insidiato dal Palermo e dall’ Udinese. Quest’ ultime sono la bella realtà e la rivincita della provincia contro lo strapotere del Nord e della capitale. Per i biancocelesti trenta gol realizzati sono pochi per ambire a sogni di gloria e tra le prime otto è quella che ha segnato di meno. Lotito, spesso in discussione con l’ ambiente circostante, deve comprare un cannoniere da almeno 15 reti. Gli e lo hanno suggerito in tanti.

Infine la Juve. Del Neri da una parte fa bene a protestare con veemenza contro alcuni arbitraggi dubbi e distratti, ma tutto ciò non deve diventare un alibi quando si perde. Calciopoli è il passato mentre elargire fair play potrebbe essere una fregatura.

Ma purtroppo i problemi sono ben altri. La Vecchia Signora ha riscoperto le rughe e dopo un inizio promettente sta fallendo l’ ennesima stagione. Due obbiettivi si sono perduti e la retroguardia è il punto dolente di questa squadra.

Per quanto non ci sia tanto di meglio in giro da acquistare, Chiellini, Bonucci, Grygera, Sorensen, Grosso e Barzagli sono probabilmente sopravvalutati. E pure Buffon appare stanco e soprattutto demotivato. Si sente l’ assenza di un vero uomo d’ area di rigore in grado di dirigere con esperienza tutta la difesa.

Il mercato di gennaio è stato messo in atto più per sostituire l’ infermeria che per convinzione. Finalmente la cessione di Amauri. Era diventato una zavorra in campo e nello spogliatoio.

Trenta gol subiti con sei sconfitte dimostrano una perforabilità non irrilevante quando l’ attuale capolista ne ha incassati quasi la metà.

La matematica non è un opinione e i numeri hanno sempre ragione.

___________________

Cud 2011: le novità.

Un articolo sul nuovo Cud 2011. Lo scritto comprende tutte le novità. A firma di Saverio Cinieri, Pmi Microsoft – Ipsoa Editore – I diritti sono riservati.

CUD 2011 tra conferme e novità.

E’ stato pubblicato, sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, il modello CUD 2011 relativo al periodo d’imposta 2010. La certificazione va consegnata al lavoratore entro il 28 febbraio del periodo d’imposta successivo a quello cui si riferiscono i redditi certificati ovvero entro 12 giorni dalla richiesta del dipendente in caso di cessazione del rapporto di lavoro

Modalità di consegna e contenuto

Il modello va consegnato al contribuente, generalmente, in formato cartaceo anche se è possibile la sua trasmissione in formato elettronico, purché sia garantita al dipendente la possibilità di entrare nella disponibilità dello stesso e di poterlo materializzare per i successivi adempimenti. (in tal caso, il sostituto d’imposta deve accertarsi che ciascun dipendente si trovi nelle condizioni di ricevere in via elettronica la certificazione).

Il CUD deve essere utilizzato per certificare:
a) l’ammontare complessivo dei redditi di lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, di cui agli articoli 49 e 50 del TUIR, corrisposti nell’anno precedente ed assoggettati a tassazione ordinaria, a tassazione separata, a ritenuta a titolo d’imposta e ad imposta sostitutiva;
b) le relative ritenute di acconto operate;
c) le detrazioni effettuate.

Novità del CUD 2011

Da una prima lettura del modello e delle istruzioni di compilazione è possibile cogliere le principali novità di quest’anno, della parte B, dedicata ai Dati fiscali, che vengono di seguito evidenziate.

Docenti e ricercatori che rientrano in Italia

Nel caso di docenti e ricercatori che, in possesso di titolo di studio universitario o equiparato, siano non occasionalmente residenti all’estero e abbiano svolto documentata attività di ricerca o docenza all’estero presso centri di ricerca pubblici o privati o università per almeno due anni continuativi che, dal 29 novembre 2008 o in uno dei 5 anni solari successivi, vengano a svolgere la loro attività in Italia e che conseguentemente divengono fiscalmente residenti nel territorio dello Stato, è soggetto ad IRPEF solo il 10% dei redditi corrisposti (agevolazione prevista dal D.L. n. 185/2008, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 2/2009).

Pertanto, così come previsto anche nel modello dello scorso anno, nel punto 1 del CUD va indicato il 10% del reddito percepito. Però – e ciò costituisce una novità rispetto al passato – nel modello di quest’anno occorre indicare, nelle annotazioni, con il codice BC, l’ammontare delle somme che non hanno concorso a formare il reddito imponibile (e quindi, il 90% dell’ammontare erogato).

Imposta sostitutiva stock option

Per attenuare gli effetti economici potenzialmente discorsivi propri delle forme di remunerazione operate sotto forma di bonus e stock options, è stato previsto che sui compensi a questo titolo, che eccedono il triplo della parte fissa della retribuzione, attribuiti ai dipendenti che rivestono la qualifica di dirigenti nel settore finanziario nonché ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa nello stesso settore è applicata una addizionale del 10% (art. 33, D.L. 31 maggio 2010, n. 78 convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122).

Pertanto, il CUD 2011 tiene conto di questa novità. Infatti, in presenza di remunerazioni erogate sotto forma di bonus e stock option, nelle annotazioni va indicato, con il codice BL:
• l’ammontare complessivo di dette remunerazioni;
• la parte di detti compensi eccedenti il triplo della parte fissa della retribuzione;
• la relativa imposta operata.L’annotazione, quindi è del tipo: “Ammontare totale erogato del bonus e delle stock option, importo […]; Ammontare del bonus e delle stock option che eccede il triplo della parte fissa della retribuzione, importo […]; relativa imposta operata, importo […]“.

Acconto addizionale comunale sospeso per eventi eccezionali

Tale modifica è solamente formale. Infatti, tra le annotazioni al punto 18, è stato inserito un nuovo codice (BS) da utilizzare per indicare l’importo dell’acconto dell’addizionale comunale certificato nel CUD precedente che non è stato operato a seguito della sospensione avvenuta per eventi eccezionali.

Tale informazione, lo scorso anno era indicata cumulativamente con l’addizionale regionale e il saldo dell’addizionale comunale mediante il codice BP.

Ripresa adempimenti a seguito del terremoto dell’Aquila

Per i soggetti che si sono avvalsi dell’assistenza fiscale, nei punti 31, 32 e 33 vanno indicati, rispettivamente, gli eventuali crediti di IRPEF (sia da tassazione ordinaria che separata), di addizionale regionale all’IRPEF e di addizionale comunale all’IRPEF relativi all’anno precedente non rimborsati per qualsiasi motivo dal sostituto. A tale proposito, in merito alla ripresa degli adempimenti e dei versamenti relativi alla sospensione a seguito degli eventi sismici del 6 aprile 2009, è previsto che detti versamenti, su richiesta del sostituito, possano essere effettuati dal datore di lavoro (circolare 13 agosto 2010 n. 44/E).

Pertanto, nel caso di cessazione del rapporto di lavoro prima della conclusione del versamento delle rate da parte del datore di lavoro, quest’ultimo deve indicare nelle annotazioni:
• con il codice BU gli importi non versati relativi all’assistenza fiscale prestata;
• con il codice BT gli altri importi non versati;
• con il codice BV, in ogni caso, tutti i versamenti effettuati.

Somme erogate per l’incremento della produttività del lavoro

Anche nel modello di quest’anno, trova spazio una sezione dedicata alla detassazione delle somme erogate per l’incremento della produttività del lavoro, prevista dal D.L. 27 maggio 2008 n. 93 (convertito con modificazioni dalla legge n. 126/2008).

Si ricorda, infatti, l’agevolazione è stata oggetto di varie proroghe:
– dapprima, con l’art. 5, D.L. n. 185/2008 (convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2), è stata disposta la proroga del beneficio sopra indicato per il periodo dal 1° gennaio 2009 al 31 dicembre 2009, entro il limite di importo complessivo di 6.000 euro lordi, con esclusivo riferimento al settore privato e per i titolari di reddito di lavoro dipendente non superiore, nell’anno 2008, a 35.000 euro, al lordo delle somme assoggettate nel 2008 all’imposta sostitutiva del 10% di cui all’art. 2, D.L. n. 93/2008;
– successivamente, con l’art. 2, commi 156 e 157, legge 23 dicembre 2009, n. 191, l’agevolazione è stata confermata, alle stesse condizioni, anche per il 2010.

Ci sono però alcune novità nel modello di quest’anno. Innanzitutto, nel punto 93 oltre ad essere indicata la quota della somma erogata per l’incremento della produttività del lavoro fino a 6.000 euro, al netto delle trattenute previdenziali obbligatorie, vanno riportati:

• l’intero compenso erogato per lavoro notturno (e non la sola maggiorazione), le somme erogate per prestazioni di lavoro straordinario, nonché le indennità o maggiorazioni di turno (cfr. risoluzione n. 83/E del 17 agosto 2010);
• la quota di sgravio contributivo concesso sulle retribuzioni variabili fissate dalla contrattazione collettiva di secondo livello, qualora ricorrano le condizioni per l’applicazione, sulle predette somme, dell’imposta sostitutiva del 10% prevista per i premi di produttività e di risultato.Inoltre, nel CUD 2011 trovano posto nuovi campi (97, 98, 99, 100 e 101) in cui indicare:
• punti 97 e 99, rispettivamente, le somme erogate negli anni 2008 e 2009 per il conseguimento di elementi di produttività e redditività ovvero per lavoro straordinario assoggettabili a imposta sostitutiva in tali anni, sulle quali invece è stata effettuata la tassazione ordinaria (il sostituto deve compilare i suddetti punti anche qualora abbia già certificato al dipendente detti importi a seguito della risoluzione n. 83/E/2010). Nel caso di cessazione del rapporto di lavoro avvenuta prima dell’emanazione della risoluzione n. 83/E, con relativo rilascio della certificazione unica, il sostituito può richiedere al sostituto la consegna di una nuova certificazione (utilizzando il CUD 2011), per l’indicazione nel punto 101 dei redditi di cui alla predetta risoluzione di competenza del 2010, tassati ordinariamente, che possono essere assoggettati ad imposta sostitutiva. Con riferimento agli importi indicati nei punti 97, 99 e 101 nelle annotazioni, con il codice BY, deve essere certificato che tali somme sono state erogate a titolo di incremento della produttività del lavoro e che su tali importi non è stata applicata la tassazione sostitutiva;
• punto 98, l’importo relativo agli straordinari e ai premi di produttività erogati nel 2008 certificati al punto 77 del CUD 2009;
• punto 100, l’importo relativo a somme erogate per l’incremento della produttività nel 2009 certificati al punto 90 del CUD 2010.Va infine ricordato che, in caso di cessazione del rapporto di lavoro antecedente al 2010 e di richiesta da parte del sostituito di una attestazione relativa ai compensi erogati nel 2008 e/o 2009 di cui alla risoluzione n. 83/E/2010, il sostituto d’imposta è tenuto al rilascio del CUD 2011 per l’attestazione di detti importi, sempreché sia obbligato alla presentazione del modello 770/2011 semplificato.

Detrazione comparto sicurezza

Tra le tante conferme, rispetto al modello dello scorso anno, si segnala al punto 51 “Detrazione fruita comparto sicurezza”, l’indicazione della detrazione spettante per personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, in base a quanto stabilito dall’art. 4, comma 2, D.L. 29 novembre 2008, n. 185 (come modificato dall’art. 2, comma 156, legge 23 dicembre 2009, n. 191).

A tale proposito, si ricorda la detrazione massima è passata a 149,50 euro rispetto ai precedenti 134 euro.

A tale proposito, il D.P.C.M 23 aprile 2010 ha stabilito che qualora la detrazione d’imposta non trovi capienza sull’imposta lorda relativa alle retribuzioni accessorie, la parte eccedente può essere fruita in riduzione dell’imposta dovuta sulle medesime retribuzioni corrisposte nell’anno 2010 e assoggettate a tassazione separata quali emolumenti arretrati di cui all’art. 17 TUIR. Pertanto, nel modello di quest’anno sono stati inseriti:

• il punto 121, in cui va indicato l’ammontare del trattamento economico accessorio assoggettato a tassazione separata già ricompreso nel punto 120;
• il punto 123 in cui deve essere indicato l’importo della detrazione di cui al D.P.C.M. 23 aprile 2010 che non ha trovato capienza sull’imposta lorda relativa al trattamento economico accessorio percepito e utilizzata ai fini dello scomputo della imposta sui medesimi redditi assoggettati a tassazione separata riferiti ad anni precedenti. Nel caso in cui la detrazione di cui al predetto D.P.C.M., sia stata interamente fruita nell’ambito della tassazione ordinaria i punti 121 e 123 non devono essere compilati.