Il modello Iva base 2011. Novità e informazioni per la presentazione.

Un interessante articolo su come usare il modello iva base 2011. Le novità per la dichiarazione e i tempi della presentazione. A firma della dott.ssa Paola Mazza, commercialista e Revisore dei Conti. Maggiori informazioni sui siti Ipsoa Editore e Pmi Microsoft – Tutti i diritti sono riservati.

______________

Modello IVA Base 2011

Introduzione

Il modello IVA Base è stato istituito allo scopo di semplificare la procedura dichiarativa per alcune specifiche categorie di contribuenti che nel corso dell’anno hanno determinato l’imposta secondo le regole generali previste dalla disciplina IVA.
Dette categorie di contribuenti possono utilizzare il modello IVA Base 2011 in alternativa al modello IVA 2011 ed effettuare l’inoltro della dichiarazione sia in via autonoma che nell’ambito della dichiarazione unificata. Una delle principali novità presenti nella dichiarazione IVA Base 2011 è rappresentata dall’inserimento del quadro VR attraverso il quale, essendo stato abrogato il modello VR, può essere effettuata la richiesta di rimborso del credito IVA.

1

2

 

Il contribuente tenuto alla presentazione della dichiarazione IVA può utilizzare in alternativa al modello IVA 2011, una versione semplificata: il modello IVA Base 2011.
Tale modello può essere presentato sia che si voglia inoltrare la dichiarazione IVA in via autonoma che unitamente al modello UNICO 2011 (Cfr. Tavolan. 1).Tavola n. 1 – Modalità di presentazione dichiarazione IVA La dichiarazione IVA in via autonoma può essere presentata a decorrere dal 1º febbraio 2011 al 30settembre 2011.
La dichiarazione presentata insieme al modello UNICO può essere inoltrata entro il 30 settembre 2011 (Cfr. Tavola n. 2).

Tavola n. 2 – Termini presentazione modello IVA

 

Ambito soggettivo

Possono utilizzare il modello IVA Base 2011 i contribuenti (sia persone fisiche che soggetti diversi dalle persone fisiche) che nel corso dell’anno:

hanno determinato l’imposta secondo le regole generali previste dalla disciplina IVA e che non hanno applicato specifici criteri afferenti speciali regimi;
hanno effettuato cessioni di beni usati in via occasionale e/o operazioni relative ad attività agricole connesse di cui all’art. 34-bis del D.P.R. 633/ 1972;
non hanno effettuato operazioni con l’estero;
non hanno effettuato acquisti ed importazioni senza applicazione di IVA in virtù del plafond di cui all’art. 2, comma 2, della Legge n. 28/1997;
non hanno partecipato ad operazioni straordinarie o subito trasformazioni sostanziali soggettive.

Dalle istruzioni si evince, inoltre, che non possono utilizzare il modello IVA Base 2011:

i soggetti non residenti anche se hanno nel territorio dello Stato una stabile organizzazione o fruiscano di rappresentanza fiscale o di identificazione diretta;
le società di gestione del risparmio che gestiscono fondi immobiliari chiusi;
i soggetti tenuti ad utilizzare il modello F24 auto UE obbligatorio per i rivenditori di autoveicoli sul mercato Comunitario;
i curatori fallimentari e i commissari liquidatori per le procedure concorsuali;
le società che hanno partecipato ad una procedura di liquidazione dell’IVA di gruppo di cui all’art. 73 del D.P.R. n. 633/1972.

 

_________________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...