Il campionato è un ” affaire ” di Milano.

Luci a San Siro e festival del gol. Il campionato giunge a quasi due terzi del cammino e diventa più incerto che mai anche se Milano resta la piazza protagonista e sicuramente favorita.

Nel giro di pochissime settimane abbiamo osservato cadute eccellenti, sorprese straordinarie e mezzi passi falsi delle inseguitrici che confermano gl’ impedimenti d’ organico e di tasso tecnico inferiore alle milanesi.

L’ Inter ha ritrovato il passo dello Scudetto, la voglia di combattere, l’ entusiasmo e di credere nei propri mezzi. Ha cambiato pelle. Finalmente gioca come sa e non è errato dire che Leonardo in parte “ copia “ Mourinho nel posizionare i giocatori.

Il tridente di stanotte non è nuovo, lo adottò anche se in stretta misura, lo SpecialOne per poi trasformarlo in corsa quando i match erano chiusi o contro collettivi difficili da scardinare.

Mai come questa volta il cambio di allenatore è stato così azzeccato e nella ” classica ” che ha caratterizzato il periodo post Calciopoli, i nerazzurri hanno detronizzato una Roma nervosa però mai doma, ma che risente ancora una volta di quelle alternanze viste fin dall’ inizio della stagione.

Ai giallorossi, poi, fa difetto ancora l’ assenza di qualche pezzo pregiato per arrivare a mettere le mani sullo Scudetto, mentre le “ sterili “ campagne acquisti del recente triennio unitamente alle vicende amministrative e giuridiche ha fatto sì che si trovi in affanno sul piano dei componenti il quale resta corto.

A questo punto del torneo poter recuperare dieci punti è francamente un utopia. Fuori dai giochi e speriamo che i nuovi compratori, americani, arabi che siano portino denari freschi per una parziale rifondazione che dovrà essere necessaria a giugno. Molti elementi giocano nel club romano da troppi anni e sovente si sono visti segnali di voglia di andare altrove.

Ora per Leonardo e soci diventa fondamentale la gara di recupero al Franchi di Firenze che secondo programma si effettuerà il sedici di febbraio.  Una vittoria, peraltro non scontata su un campo tradizionalmente ostico, concluderebbe una repentina scalata iniziata con l’ esonero di Benitez.

Ma le colpe della crisi interista non erano tutte dell’ ex coach del Liverpool. Benitez ha avuto pure sfortuna e nel corso della gestione ha affrontato numerosi infortuni che gli hanno fatto saltare gl’ equilibri del team.

Questa Inter ha tuttora fame di successi e Moratti con l’ innesto di Ranocchia e Pazzini sembra che abbia ancora desiderio di investire in prospettiva futura per mantenere alta la competitività.

Se l’ Inter ha dalla sua la condizione psicologica, il ritorno alla forma degl’ elementi migliori, un Eto’ o stratosferico e sempre più decisivo, il calendario è poco favorevole mentre la precaria condizione di Milito potrebbe dare qualche preoccupazione nel gestire il fronte offensivo. L’ ex genoano stenta a ritrovarsi, segna poco e sopratutto è infiacchito nello sprint e nello smarcamento.

Fin da domenica prossima con il confronto al Comunale di Torino con la Juve, mentre il Milan affronterà in casa il Chievo, si potrà tirare le somme. Turno chiave per tutte.

I rossoneri non sanno più vincere. Nelle prime sette squadre della classifica è quello che ha pareggiato di più. Pato non è un caso, ma non è nemmeno al top. Le qualità sono indiscutibili ma l’ annata è offuscata da malesseri, qualche incomprensione e la convivenza tattica con Ibrahimovic.

Restano in vetta solamente perché il Napoli fino ad ora è una squadra incompiuta e bizzarra, incapace di guadagnare terreno nei momenti topici, nonostante i partenopei svolgano forse il gioco più piacevole che ci sia in Italia.

La Lazio è imperfetta. Il momentaneo quarto posto le fa sicuramente onore ma ciò nonostante è insidiato dal Palermo e dall’ Udinese. Quest’ ultime sono la bella realtà e la rivincita della provincia contro lo strapotere del Nord e della capitale. Per i biancocelesti trenta gol realizzati sono pochi per ambire a sogni di gloria e tra le prime otto è quella che ha segnato di meno. Lotito, spesso in discussione con l’ ambiente circostante, deve comprare un cannoniere da almeno 15 reti. Gli e lo hanno suggerito in tanti.

Infine la Juve. Del Neri da una parte fa bene a protestare con veemenza contro alcuni arbitraggi dubbi e distratti, ma tutto ciò non deve diventare un alibi quando si perde. Calciopoli è il passato mentre elargire fair play potrebbe essere una fregatura.

Ma purtroppo i problemi sono ben altri. La Vecchia Signora ha riscoperto le rughe e dopo un inizio promettente sta fallendo l’ ennesima stagione. Due obbiettivi si sono perduti e la retroguardia è il punto dolente di questa squadra.

Per quanto non ci sia tanto di meglio in giro da acquistare, Chiellini, Bonucci, Grygera, Sorensen, Grosso e Barzagli sono probabilmente sopravvalutati. E pure Buffon appare stanco e soprattutto demotivato. Si sente l’ assenza di un vero uomo d’ area di rigore in grado di dirigere con esperienza tutta la difesa.

Il mercato di gennaio è stato messo in atto più per sostituire l’ infermeria che per convinzione. Finalmente la cessione di Amauri. Era diventato una zavorra in campo e nello spogliatoio.

Trenta gol subiti con sei sconfitte dimostrano una perforabilità non irrilevante quando l’ attuale capolista ne ha incassati quasi la metà.

La matematica non è un opinione e i numeri hanno sempre ragione.

___________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...