Lettera aperta sul Darfur.

Lettera aperta sul Darfur.
Raccontando il Sudan, per non dimenticare e per continuare…

Cari amici,
 il mio ultimo viaggio in Sudan, in occasione del referendum per
<https://gianlucafiesoli.files.wordpress.com/2011/01/5fbb5-bandiere2bsplm.jpg>
l’indipendenza del Sud Sudan, é stato più duro e, in certi momenti,
pericoloso rispetto ai precedenti. Ho passato dei giorni con un gruppo
di ribelli che mi ha anche fornito delle foto (ne allego una per farvi
capire di che parlo…) che testimoniano i crimini in Darfur.
 Ho avuto la possibilità di parlare con i sopravvissuti degli ultimi
attacchi delle forze militari del governo e ho capito, ancora una
volta, che per quello che ha subito e continua a subire, questa gente
– donne violentate e mutilate prina di essere uccise, ragazzini
bruciati vivi nelle scuole, interi villaggi distrutti – non sarà mai
pronta alla pace se prima non verrà loro garantita giustizia.

Le sensazioni che mi ha lasciato questo viaggio sono contrastanti.
 
Come avevo scritto nel novembre del 2009, quando con l’intergruppo
Italia Darfur andammo a Zam Zam camp, non ho trovato volti scavati
dalla fame, – come nel 2005 e nel 2007 -persone disperate che
<https://gianlucafiesoli.files.wordpress.com/2011/01/ef9f4-voto.jpg>
non avevano neanche la forza di chiedere aiuto. Stavolta non sono
state le migliaia di persone che pelle e ossa vagavano per i campi
profughi con gli occhi sbarrati dal panico o le testimonianze delle
ragazze violentate che mi hanno raccontato il terrore degli stupri
subiti a segnarmi profondamente. Questa volta è bastato il
‘contesto’… Il degrado umano dilagante, l’assenza di ogni
barlume di speranza negli sguardi, la delusione trasformata in
rassegnazione di non poter cambiare uno ‘status’ incancrenito, che
ti porta a perdere dignità e futuro.

La situazione alimentare è migliorata ma la distribuzione del cibo e
l’assistenza umanitaria sono sempre a rischio. E la gente non ce la
fa più. Questa esistenza ai limiti della sopravvivenza e del decoro,
hanno ‘inciso’ un marchio indelebile sulla loro pelle.

Quando bambini di quattro – cinque anni si azzuffano e calpestano i
fratellini di pochi mesi pur di strappare dalle mani di
<https://gianlucafiesoli.files.wordpress.com/2011/01/e3238-fila2bcon2btribale.jpg>
chi li porge quaderni e matite che probabilmente non useranno mai,
comprendi che per loro il presente e il futuro sono segnati da
abbandono, disinteresse e violenza.

E allora ti chiedi… ha senso andare avanti? Forse chi mi chiede che
senso ha continuare a occuparsi del Darfur, un posto così lontano e
senza speranza,e mi consiglia di usare meglio le mie energie – a
cominciare dai miei colleghi giornalisti mai così numerosi in Sudan –
ha ragione? Poi mi torna in mente una vecchia massima che dice: non
interessa al mondo chi del mondo non si interessa… E allora ogni mio
dubbio svanisce: fino a quando io continuerò a occuparmi di Darfur,
qualcuno a cui interesserà quello che ho da dire ci sarà sempre. Se
anche la mia voce si zittisse, allora sarebbe più
<https://gianlucafiesoli.files.wordpress.com/2011/01/bce94-scuola2bbombardata1.jpg>
‘facile’ ignorare questa tragedia. E così smetto di pormi domande, la
risposta è dentro di me ed è una convinzione ferma.
 
 Ignorare quella gente per me non è possibile, perché il loro dramma
è il mio dramma, la loro battaglia è la mia battaglia, la loro
speranza e la mia speranza!

Spero sia anche la vostra…

Con affetto,

Antonella Napoli

Presidente di Italians for Darfur.

C’ è poco da stare ” Allegri “, questo Milan può perdere il campionato.

allegri Le statistiche ci rilevano che otto volte su dieci, quando un club si laurea campione d’ inverno successivamente si aggiudica anche lo Scudetto.  Ma la Storia dello sport è piena di grandi e indimenticabili rimonte e quello che sembrava più ovvio in precedenza è stato ribaltato sul filo del traguardo.

E’ un campionato anomalo il nostro, indebolito dallo smaltimento di energie fisiche e psicologiche di un deludente Mondiale africano, anche se alla lunga complessivamente stanno venendo fuori i veri valori che dividono le varie zone della classifica. Non per fare pronostici, il che non ne sarei mai capace, ma il tricolore ha buonissime  probabilità di restare su una delle due sponde di Milano.

Con l’ esonero di Rafa Benitez l’ Inter guidata dal giovane Leonardo ha ripreso piglio, ritrovato un gioco decente, gol e sopratutto morale nell’ ambiente che appare sereno e impegnato a lavorare assiduamente. Il brasiliano ha dato una forte scossa e questa volta la scelta di Moratti per l’ immediato futuro potrebbe essere stata azzeccata. 

Addirittura nei puristi, intesi non come corrente linguistica della metà del XIX secolo ma bensì come tifosi sfegatati del proprio club, qualcuno ha letto l’ ingaggio di Leonardo definendolo una provocazione. Sicuramente non è così, ma a Moratti piacciono le scommesse.

Una squadra che è diventata comunque più umana rispetto all’ anno passato ma con l’ enorme potenziale della rosa che adesso è stata ripristinata dal rientro degl’ infortunati e la riporta ad essere  una delle maggiori candidate al titolo.

Riconquistare quattro punti alla capolista in sole due partite è un segnale di rinnovata fiducia e i recuperi con il Cesena domani in casa e la Fiorentina al Franchi le offrono l’ opportunità di ritornare in prossimità della vetta.

Il gol di Ibrahimovic al quarantanovesimo minuto nel match di domenica scorsa con il Lecce è da manuale del calcio. Una rete di straordinaria potenza, un gesto tecnico pregno di cinismo che esalta tutte le immense qualità di questo attaccante. Un globtrotter del pallone a cui viene perdonato anche qualche gesto e parola di troppo. Un campione di razza che è capace di incidere sensibilmente in ogni collettivo si trovi. Un atleta con una dirompente personalità, talmente forte da far reparto da solo e ” cancellare ”  il compagno Pato. Proprio questo binomio, fatto di due solisti ma completamente diversi nella posizione in campo e nello stile di gioco stanno creando qualche contrarietà negl’ ultimi 25 metri.

E’ un Milan Ibra dipendente. Lo abbiamo detto più volte ma in questa fase leggermente calante della stagione i problemi della squadra sono pure altri. Massimiliano Allegri ha la fortuna che le dirette inseguitrici hanno meno esperienza quando si tratta di stare in alta quota. Esse procedono a corrente alternata senza saper approffittare dei mezzi passi falsi, ma è consapevole che tuttavia non potrà durare in eterno.

Pato ha perso la bussola, l’ arrivo di Cassano potrà essere valutato solamente a fine stagione, e non è detto che sarà del tutto positivo.  Ronaldinho  è stato rispedito al ” mittente ” quando la samba oramai era diventata stanca e i sorrisi non bastavano più ad incantare Galliani e Berlusconi.

Robinho si mangia  gol a ripetizione, senza Inzaghi e altri acciaccati, la Champions che entra nella fase cruciale e richiederà un dispendio di energie supplementari, le evidenti difficoltà della manovra di gioco fanno sì che ci sia da stare poco ” allegri “.

________________

I seminari per imparare Adobe Creative Suite 5.

adobe

  PROFESSIONAL
DIGITAL IMAGING
3 febbraio 2011
Oggetti avanzati di
Adobe Photoshop
per fotografi
Matteo Oriani24 febbraio 2011
ACR, Profili ICC,
settaggi di Adobe Photoshop.Tutto quello che serveper mettere
a punto la propria workstation
Claudio Lodi
GRAPHIC DESIGN31 gennaio 2011
Una marcia in più nella produzione con l’utilizzo avanzato degli stili in InDesign CS5
Cinzia Marotta7 febbraio 2011
Ispirati, Crea, Revisiona
e Condividi il tuo lavoro sul Web con i nuovi
servizi CS Live!
Michela Di Stefano

17 febbraio 2011
Come non rimpiangere FreeHand con Adobe Illustrator CS5
Alberto Comper

21 febbraio 2011
eBook Publishing,
la rivoluzione
dell’editoria digitale
Andrea Spinazzola

1 marzo 2011
News sul Digital Publishing
Alberto Comper

 

 

DIGITAL VIDEO & DYNAMIC MEDIA2 febbraio 2011
Realizzare DVD e
BlueRay con Adobe
Encore
Davide Famoso9 febbraio 2011
Postprodurre video
girato con DSLR, per fotografi e videomaker
Giovanni Antico

23 febbraio 2011
Dal copione allo
schermo: Adobe Story
e Adobe Premiere
Marco Gianstefani

WEB DESIGN & DEVELOPMENT1 febbraio 2011
HTML5, CSS3 e Flash: tecnologie complementari per il web
Italo Sannino8 febbraio 2011
Design e sviluppo di interfacce con Adobe Photoshop, Illustrator, Flash Catalyst e Flash Builder
Fabio Bernardi

15 febbraio 2011
Dreamweaver per creare pagine dinamiche in php
e graficamente perfette con Ajax e CSS3
Guido Franceschilli

22 febbraio 2011
Sviluppo di applicativi
AIR per iOS e Android
Luca Mezzalira

 Per maggiori informazioni visita il sito http://www.adobe.com/it/

È sicuro utilizzare il servizio Wi-Fi gratuito di un albergo?

 

00433098Per quanto la tecnologia abbia fatto grandissimi passi avanti la sicurezza della Rete e delle comunicazioni in generale hanno sempre possibili falle che possono far rilevare i nostri dati, i nostri interessi e soprattutto la privacy. Il WI-FI ha l’ enorme merito di eliminare il supporto cablato e con un piccolo laptop oggi possiamo collegarci in quasi tutte le parti del mondo.

Gli stessi alberghi, di qualsiasi livello, oramai nel pacchetto di alloggio inseriscono frequentemente la connessione libera e gratuita, un ulteriore comodità per invogliare la clientela.

Resta però il fatto che talvolta queste connessioni non sono del tutto sicure poiché sollevate da protezioni adeguate e quindi si corre il rischio di essere spiati o che qualcuno possa vedere cosa facciamo. Personalmente ho avuto in più di una volta  questa impressione. 

La stessa televisione in alcune  inchieste e con la collaborazione anonima di Hacker ha dimostrato come si può facilmente entrare in un Personal Computer quando è on line.

Recentemente è stata stilata anche una lista la quale indica i paesi più a rischio in fatto di collegamenti internet.  Anche Facebook quando ti connetti da altre parti del mondo che non è la tua usuale, ti chiede poi una conferma.

Qui sotto un interessante articolo di Kim Boatman, giornalista del San Josè Mercury News vive e lavora a Silicon Valley negli Stati Uniti e  si occupa d’ informatica ma non solo.

Symantec Corporation i diritti sono riservati.

________________

È sicuro utilizzare il servizio Wi-Fi gratuito di un albergo?

Attualmente, viaggiando per lavoro è abbastanza frequente trovare in molti alberghi connessioni Wi-Fi gratuite o a basso costo. Se da una parte fa piacere utilizzare un servizio Internet gratuito, dall’altra è difficile sapere se una connessione Wi-Fi pubblica è sicura, anche nelle grandi catene di hotel.

Quindi, prima di correre il rischio e fidarti del servizio Wi-Fi di un albergo, assicurati di mettere in pratica queste misure precauzionali:

  1. Installa buone difese.
    Il firewall del tuo computer e un software antivirus efficace costituiscono la tua prima linea di difesa, sostiene Mark D. Rasch, cofondatore di Secure IT Experts, che fornisce consulenza sulla sicurezza alle aziende. Il firewall autorizza o blocca il traffico o da e verso il tuo computer, quindi è essenziale controllare che sia attivato.Se utilizzi Windows, fai clic sul menu Start, quindi su Pannello di controllo. Fai clic su Centro sicurezza PC, l’icona con lo scudo colorato. Un indicatore verde indica che il firewall è attivato. Se utilizzi un Mac, apri Preferenze del sistema e fai clic su Condivisione, quindi su Firewall. Dovrai inoltre assicurarti che il software per la sicurezza sia aggiornato ed eseguire scansioni quotidiane quando sei in viaggio.
  1. Fai attenzione a connetterti alla rete corretta. 
    Spesso, la connessione Wi-Fi gratuita di un albergo richiede una password o un numero di riferimento che viene fornito al momento del check-in. Assicurati di stabilire la connessione con la rete Wi-Fi dell’albergo e non con una simile che potrebbe essere stata predisposta per ingannarti al fine di raccogliere le tue informazioni per un eventuale furto di identità o per causare qualche altro danno. Siti di questo tipo possono utilizzare nomi simili a quelli dell’albero, quindi chiedi alla ricezione se hai qualche dubbio al momento dell’accesso.
  1. Evita la condivisione di file.
    Tenersi lontano dai siti di condivisione di file quali LimeWire e Morpheus, che offrono download di software gratuito, consiglia David Callisch, vicepresidente del marketing di Ruckus Wireless, un’azienda che installa reti wireless negli alberghi.“Evitare operazioni in cui due computer possono dialogare tra di loro”, aggiunge. I siti di condivisione di file possono lasciare il tuo computer vulnerabile ad attacchi nocivi, come virus o spyware.
  1. Disconnettiti quando non utilizzi la connessione.
    Riduci al minimo i rischi disconnettendoti dalla rete quando non utilizzi la connessione Wi-Fi.
  1. Evita transazioni finanziarie.
    Se possibile, è consigliabile evitare di effettuare acquisti online o di accedere al conto corrente bancario da una connessione Wi-Fi gratuita, avverte Rasch. Se devi eseguire operazioni finanziarie online, assicurati che il sito sia protetto tramite “https”, un protocollo che fornisce una connessione sicura. Un sito Web sicuro sarò connotato dall’utilizzo di “https” invece di “http” all’inizio dell’indirizzo Web e dalla visualizzazione di un simbolo di lucchetto chiuso nell’angolo inferiore destro del browser.
  1. Utilizza una VPN.
    Se viaggi per lavoro, chiedi se la tua azienda utilizza una VPN (Virtual Private Network), ovvero una rete privata virtuale.  Una VPN è una rete di computer che fornisce ai dipendenti l’accesso remoto ai server dell’azienda. Queste reti utilizzano tecnologie di scomposizione dei dati che garantiscono l’accesso sicuro ai dati aziendali attraverso una connessione a Internet.  In una VPN, le attività online saranno crittografate in modo che eventuali malintenzionati non possano vedere ciò che stai facendo. Se sei in viaggio per motivi personali, puoi comunque acquistare un servizio VPN. Aziende come HotSpotVPN consentono di acquistare il proprio servizio per brevi periodi di tempo, ad esempio, per qualche giorno.
  1. Cambia spesso le password.
    Gli intrusi spesso sono in agguato per intercettare o cercare password su reti non protette, spiega Callisch. Potresti essere portato a sottovalutare la gravità del furto del tuo ID utente e password di Facebook. Dopo tutto, il peggio che possono fare è cambiare il tuo stato o eliminare alcuni amici, no? Non essere così sicuro, avverte Callisch.Molti di noi utilizzano le stesse password e ID utente per molte attività online. Non di rado, utilizziamo la stessa password di Facebook anche per accedere al conto corrente bancario. “Adotta un grado ragionevole di precauzioni e cambia spesso password”, suggerisce Callisch. La maggior parte di noi tende a non ricordare molte password, ma è necessario riuscire a tenere traccia di queste modifiche, egli aggiunge.

Se segui queste indicazioni, puoi connetterti alla rete Wi-Fi di qualsiasi albergo senza alcun timore, conclude Callisch. Un motivo di preoccupazione in meno quando sei in viaggio.

______________

Segnalazione su Publiacqua.

Riceviamo e pubblichiamo la seguente segnalazione a firma di Fabio Cintolesi.

____________

Come alcuni di voi già sapranno, Publiacqua, il gestore del servizio idrico, pretende un aumento esagerato della cauzione da tutti coloro che non pagano tramite addebito bancario. In una lettera allegata alle ultime bollette inviate, Publiacqua spiega che tale aumento non è una sua decisione, ma una deliberazione della ATO 3 (l’autorità che regola il servizio idrico in quest’area).

A tal proposito, viene citato l’art. 49 del Regolamento del Servizio Idrico Integrato, dove vengono elencati i criteri per determinare i nuovi importi dei depositi cauzionali.

Consiglio di leggere quella lettera, a chi l’ha ricevuta, e di confrontare la citazione di questo articolo (il 49) con l’originale che consiglio di leggere a questo link: http://www.ato3acqua.toscana.it/documenti-e-normativa/documenti-aato/delibere-assemblea/delibere-anno-2010/delibera_01_regolamento-del-sii-e-carta-del-servizio/regolamento_acquedotto_ass20100422.pdf/download

L’inizio dell’articolo 49 recita così: “All’atto della stipula della fornitura, l’utente deve versare un deposito cauzionale…”.

Publiacqua non cita questa frase, e qui scappa quasi da ridere. Rimane quindi assai dubbio se chi ha in essere un contratto esistente da 20/30 anni, debba pagare questo “adegamento” (in un caso che ho visto 150 volte in più).

Per chiarire questo punto non chiarissimo, la risposta che la stessa assemblea dei sindaci della ATO 3 ha dato (attraverso un OdG non cogente) è stata che tali aumenti non sono dovuti dalle utenze preesistenti.

Nel frattempo però, Publiacqua questi soldi li chiede, che poi questa richiesta sia legittima o meno, questo non interessa. Poichè in Italia, quando hai pagato qualcosa di non dovuto, riavere i soldi indietro è quasi impossibile, consiglio vivamente di non pagare questo aumento.

Per farlo, si deve scorporare questo aumento e compilare un bollettino postale mettendo come importo la sola quota di consumo. Se qualcuno non sapesse come fare, può contattarmi, darò tutte le spiegazioni che servono; ho già fatto questa operazione sia per la mia bolletta che per quella dei miei clienti.

Per quanto mi riguarda, come ho detto, ho già decurtato la mia quota e aspetterò le iniziative di Publiacqua.

Al di là dei soldi (70/80 euro a famiglia di media) su cui io non sputo, credo sia importante ribellarsi a questi continui soprusi, che neanche si sa se siano legalizzati, per uscire da questa passività che colpisce un po’ tutta l’Italia e la Toscana in particolare.

Con la speranza di aver fatto cosa gradita, saluto con cordialità.

Fabio Cintolesi.

__________________