730: come correggere gl’ errori e l’ omissione della denuncia.

 

Riceviamo e pubblichiamo un interessante articolo a firma di Maurizio Bonazzi per ItaliaOggi Sette e Pmi Microsoft. Lo scritto è una serie di consigli e delucidazioni per correggere gl’ errori commessi durante la presentazione del modello 730 o addirittura per l’ omissione della stessa denuncia. Tutti i diritti sono riservati.

____________________

 

 

Errori o omesse presentazioni: ecco come limitare le sanzioni. La prossima scadenza è il 30 agosto.

Scaduto il termine per l’invio telematico dei modelli 730/2009, per Caf e professionisti si apre ora la stagione dei rimedi agli errori.

Sarà infatti possibile trasmettere telematicamente le dichiarazioni rimaste nel cassetto, oppure sanare le violazioni commesse (da loro o dai loro assistiti) nella compilazione delle dichiarazioni. Il tutto fruendo degli ulteriori sconti concessi dal dl n. 185 del 2008 il quale, come noto, ha reso ancor più appetibile l’utilizzo del ravvedimento operoso disciplinato dall’art. 13 del dlgs n. 472 del 1997. Ecco una breve guida per ridurre al minimo il carico sanzionatorio.

Come correre ai ripari

Errore o violazione

Sanzione intera

Sanzione con ravvedimento

Termini e modalità per il ravvedimento

Omesso o tardivoinvio del modello daparte del Caf

Da 516,46 a 5.164,57 euro per ogni 730 tardivo o omesso

€ 43,04 per ogni 730

Entro il 30/8/09 invio dei 730

€ 51,65 per ogni 730

Dal 31/8/09 al 10/11/09 invio dei 730

Errori ed omissioni del contribuente la cui correzione determina un minor credito o un maggior debito

30% (in caso di errori rilevabili in sede di controllo formale) o 100% (in caso di errori diversi da quelli rilevabili in sede di controllo formale)

2,5% o 3% della maggior imposta o del minor credito risultante dalla dichiarazione "correttiva nei termini"

Se il contribuente presenta un Unico 2009 "correttivo nei termini" entro il 30/9/09 ed effettua il pagamento ( comprensivo di sanzione del 3% e interessi) dopo il 17/8/09. Se il pagamento viene invece eseguito tra il 17/7/09 e il 17/8/09 è dovuta una sanzione pari al 2,5% dell’imposta maggiorata dello 0,40%.

30% della maggior imposta o del minor credito (in caso di errori rilevabili in sede di controllo formale)

3% della maggior imposta o del minor credito risultante dal modello Unico "integrativo"

Se il contribuente presenta Unico integrativo entro il 30/9/2010 ed entro tale data esegue i versamenti (comprensivi di sanzioni e interessi)

100% (in caso di errori diversi da quelli rilevabili in sede di controllo formale)

10% della maggiore imposta o del minor credito risultante dal modello Unico "integrativo"

Se il contribuente presenta Unico integrativo entro il 30/9/2010 ed entro tale data esegue i versamenti (comprensivi di sanzioni e interessi)

Infedeltà del visto da parte del responsabile dell’assistenza fiscale del Caf

Da 258 a 2.582 euro per ciascuna violazione

Nessuna

Se a seguito del ravvedimento del contribuente non risulta dovuta un’imposta superiore a € 16,53.

Infedeltà del visto da parte del responsabile dell’assistenza fiscale del Caf (senza ravvedimento del contribuente)

Da 258 a 2.582 euro per ciascuna violazione

€ 25,80 per ciascuna violazione

Se il responsabile dell’assistenza fiscale del Caf (o il Caf stesso) effettua il pagamento della sanzione ridotta entro il 30/6/2010

Errori ed omissioni del contribuente la cui correzione determina un (maggior) credito o un minor debito

Nessuna

Nessuna

Presentazione di un 730 integrativo (entro il 26/10/09 al Caf ed entro il 10/11/09 all’Agenzia) oppure con un Unico integrativo entro il 30/9/2010

Omessa presentazione

I Caf che si sono accorti di non aver inviato telematicamente all’Agenzia delle entrate uno o più modelli 730/2009 entro lo scorso 15 luglio (30 giugno per i cosiddetti «730 sperimentali») possono ora ravvedersi trasmettendoli tardivamente purché non oltre il 10 novembre 2009; se però lo faranno entro il 30 agosto avranno diritto a uno sconto maggiore nel pagamento delle sanzioni.

Al riguardo, infatti, l’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 11/E del 19/2/2008, ha precisato che per la trasmissione telematica dei modelli 730, il ravvedimento è consentito fino al 10 novembre (termine ultimo per l’invio telematico delle dichiarazioni integrative). Ne consegue che se il modello 730 viene inviato tardivamente, ma entro il 30 agosto (cioè entro 90 giorni dal termine di presentazione del 730 da parte del contribuente al Caf, che quest’anno scadeva il 1° giugno), il ravvedimento operoso avverrà ai sensi dell’articolo 13, comma 1, lettera c), del dlgs n. 472 del 1997: vale a dire con una riduzione della sanzione a un dodicesimo del minimo ( 43,04 = 516,46/12). Qualora invece il modello venga inviato tra il 31 agosto e il 10 novembre 2009 il ravvedimento troverà collocazione nella lettera b) del medesimo comma 1 dell’art. 13, con un abbattimento della sanzione a un decimo del minimo ( 51,65 = 516,46/10).

Sempre con la circolare n. 11/E/2008 l’Agenzia ha anche precisato che l’intermediario che intende ravvedersi deve fare riferimento alle sanzioni applicabili per ciascuna dichiarazione tardiva, e quindi indipendentemente dal fatto che venga trasmesso un unico «file» contenente più modelli 730 tardivi, in quanto «resta valido il principio secondo cui ai fini del ravvedimento le singole violazioni non possono essere cumulate giuridicamente, ma devono essere definite singolarmente».

Errori nel modello 730/2009

Da un’ulteriore analisi dei modelli 730 già inviati all’amministrazione finanziaria, potrebbero emergere due tipologie di errori: una a danno del contribuente e l’altra a danno del fisco. Per quanto concerne gli errori del primo tipo (per esempio in caso di omessa indicazione di oneri deducibili e/o detraibili) il contribuente può presentare, entro il 26/10/2009, un modello 730 integrativo a un Caf. Quest’ultimo elabora un nuovo prospetto di liquidazione modello 730-3 e lo consegna all’assistito unitamente alla copia della dichiarazione integrativa; fa pervenire il modello 730-4 integrativo al sostituto d’imposta che effettua il conguaglio a credito sulla retribuzione erogata nel mese di dicembre; trasmette all’Amministrazione finanziaria, per via telematica, i dati contenuti nelle dichiarazioni integrative dei modelli 730/2009; il tutto entro il 10/11/2009.

Per gli errori del secondo tipo, cioè quelli la cui correzione determina un minor rimborso o un maggior debito, il contribuente può presentare, entro il 30/9/2009, una dichiarazione «correttiva nei termini», utilizzando il modello Unico 2009, e provvedere direttamente al pagamento delle somme dovute, compresa la differenza rispetto all’importo del credito risultante dal modello 730 che verrà comunque rimborsato dal sostituto d’imposta. Passato il termine del 30 settembre il contribuente potrà, entro il termine previsto per la presentazione del modello Unico 2010, correggere o integrare la dichiarazione, ai sensi degli artt. 13, comma 1, lett. b) del dlgs n. 472 del 1992. In tal caso la sanzione ridotta sarà del 3% (se si tratta di errori rilevabili dall’amministrazione finanziaria in sede di liquidazione o di controllo formale delle imposte dovute ex artt. 36-bis e 36-ter del dpr n. 600 del 1973, quali sono le indicazioni in misura superiore a quella spettante di oneri deducibili o detraibili) o del 10% (in caso di errori diversi da quelli rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale come ad esempio l’omessa o errata indicazione di redditi).

L’infedeltà del visto di conformità

Il ravvedimento del contribuente che ha esposto nel modello 730 oneri deducibili e detraibili (in tutto o in parte) non spettanti evita l’irrogazione della sanzione al responsabile dell’assistenza fiscale del Caf relativamente all’infedeltà del visto di conformità. Questo perché, in base a quanto disposto dal comma 1 dell’art. 39 del dlgs n. 241 del 1997, come novellato dalla legge n. 296 del 2006, il soggetto che rilascia il visto in maniera infedele è assoggettato a sanzione alla duplice condizione che dalle attività di controllo e liquidazione della dichiarazione emerga un maggior debito a carico del dichiarante e che tale maggior debito sia superiore al limite di euro 16,53. Ne consegue che se con la dichiarazione integrativa sono state eliminate le cause che hanno determinato l’infedeltà del visto nessuna sanzione potrà essere inflitta al Caf che li ha rilasciati (cfr. circolare n. 11/E/2008).

Invece, nel caso in cui il contribuente, ancorché avvisato dal Caf, non intenda ravvedere un errore che coinvolge la regolarità del visto, il responsabile dell’assistenza fiscale del Caf può ravvedersi, beneficiando della riduzione delle sanzioni prevista dall’art. 13, comma 1, lettera b) del dlgs n. 472 del 1997. In base a tale norma la sanzione si riduce a un decimo del minimo ( 25,80 = 258/10) per ogni violazione, se la regolarizzazione avviene entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione. Termine, quest’ultimo, che l’Agenzia delle entrate, con la circolare n.11/E/2008, ha ritenuto essere quello di trasmissione telematica del modello 730. Quindi, il ravvedimento di un’infedeltà del visto rilasciato su un modello 730/2009 potrà essere ravveduto dall’autore della violazione fino al 30/6/2010.

Va infine ricordato che con la circolare n. 52/E del 27/9/2007, l’Agenzia delle entrate ha previsto l’invio, entro la stessa scadenza, di una comunicazione i cui contenuti e modalità di presentazione, avrebbero dovuto essere esplicitati con provvedimento che, ancor oggi, risulta inedito. Nelle more della divulgazione di tale documento sarà sufficiente effettuare il pagamento, nei termini previsti, della sanzione ridotta.


Articolo di Maurizio Bonazzi Pmi Microsoft ItaliaOggi Sette

____________________________

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...